Download 
application/vnd.openxmlformats-officedocument.wordprocessingml.documentRegistro dottorandi(DOCX | 95 KB)

Percorso formativo

Il programma formativo del Corso prevede lo svolgimento di attività didattiche e di ricerca per un totale di 180 crediti (CFU), di cui 120 attribuiti alla ricerca e 60 alle attività didattiche. I 120 CFU per l’attività di ricerca saranno acquisiti attraverso il lavoro di elaborazione e di stesura della tesi di dottorato (90 CFU) e mediante attività e iniziative scientifiche varie (30 CFU). I 60 CFU legati alla didattica saranno acquisiti mediante seminari e corsi dedicati (proposti annualmente nel Manifesto degli Studi), eventuali corsi presso altre istituzioni in Italia o all’estero, nonché convegni, seminari e workshop in sede o presso altri enti. Parte delle attività didattiche e di ricerca sarà svolta presso un’istituzione straniera sulla base di programmi di studio approvati dal Collegio dei Docenti.

Per ciascuna attività si prevede una forma di certificazione basata sulla frequenza e il conseguimento di specifici obiettivi didattici. Tutte le attività formative dovranno essere certificate e riportate, a cura dei dottorandi, sull'apposito registro personale (scaricabile dalla pagina Manifesto degli Studi) a cui verifica periodica sarà demandata ai rispettivi tutor. Le attività svolte all’esterno del corso di dottorato dovranno essere previamente autorizzate dal Coordinatore qualora si tratti di periodi  inferiori o uguali ai sei mesi e dal Collegio dei Docenti per periodi di formazione superiori ai sei mesi.

Il programma formativo si articola in tre annualità, secondo le seguenti modalità:

Primo anno (attività didattiche: 50 CFU)

Le attività saranno articolate in tre tipologie: a) corsi di metodologia per ciascun curriculum, specificati nel Manifesto degli Studi; b) seminari curriculari o specifici a scelta fra quelli indicati nel Manifesto degli Studi; c) seminari e conferenze attivati presso il Dipartimento o altre Istituzioni. Le attività didattiche di cui al punto (a) erogano complessivamente 20 CFU; i restanti 30 CFU sono conseguibili nelle attività di cui ai punti (b) e (c). Sarà compito del tutor verificare che i dottorandi, nel corso del primo anno, assolvano ai loro doveri di formazione acquisendo il numero di crediti previsti e usufruendo delle attività didattiche per almeno 100 ore. Entro il primo anno ciascun dottorando dovrà inoltre procedere alla definizione del progetto di ricerca e all'impostazione del lavoro di tesi.

Secondo anno (attività didattiche: 10 CFU)

Le attività formative consisteranno in corsi o seminari interdisciplinari; ciascun dottorando è altresì tenuto a frequentare seminari, conferenze e altre iniziative coerenti con il proprio progetto di tesi. Compito principale dei dottorandi sarà però quello di procedere con l’attuazione del progetto di ricerca, sotto la supervisione del tutor e con la sua stretta collaborazione.

Terzo anno

Le attività formative saranno limitate a seminari metodologici di supporto all’elaborazione della tesi, che costituirà l’obiettivo finale del triennio. I dottorandi dovranno provvedere alla redazione della tesi finale in stretta collaborazione con il direttore prescelto.

Ammissione al secondo e terzo anno

L’ammissione al secondo e al terzo anno di corso è subordinata alla certificazione da parte dei Responsabili di curriculum delle attività formative e dello stato di avanzamento del lavoro di ricerca, riportate sul registro di ogni dottorando (nell'area download), debitamente compilato e firmato dal tutor, e deliberata del Collegio dei Docenti.

Per l’ammissione all’anno di corso successivo è comunque necessario che il dottorando abbia raggiunto almeno i 2/3 (due terzi) dei crediti previsti dal proprio percorso didattico, a meno di deroghe concesse dal Collegio dei Docenti (ad esempio per permettere periodi estesi di attività di ricerca fuori sede).